Scuole di scrittura: si può veramente insegnare a scrivere?

[…] insieme alla nascita delle scuole di scrittura creativa nacque anche la spinosa querelle che ancora oggi le tormenta: “Ma si può veramente insegnare a scrivere?

[…] la risposta alla domanda rischia di diventare inutile, se non si risponde prima a un’altra domanda: “Ma ci sarà mai qualcuno che in futuro leggerà i libri?

Che le tecniche di composizione del discorso (poetiche e retoriche) costituissero la spina dorsale di qualsiasi opera letteraria, lo avevano già compreso personaggi illustri come Aristotele e Dante Alighieri. Ma la “Poetica” di Aristotele e il “De vulgari eloquentia” di Dante furono il frutto di uno studio induttivo fatto su opere già esistenti, o meglio, un discorso fatto a posteriori su altri già composti (opere metalinguistiche). Nei primi decenni del Novecento, invece, con l’avvento delle scuole di creative writing, prima in America poi in Europa e infine in Italia, le tecniche poetiche sono diventate oggetto di uno studio che, partendo da opere già scritte, mira a formare nuovi scrittori e nuovi poeti.

Così, insieme alla nascita delle scuole di scrittura creativa nacque anche la spinosa querelle che ancora oggi le tormenta: “Ma si può veramente insegnare a scrivere?”.

Sicuramente uno dei meriti principali della creative writing è di aver sfatato del tutto quel luogo comune, tipicamente romantico, dell’artista che scrive sotto l’improvviso effetto dell’ispirazione. Ma il problema grave è che, morto un mito, ne è nato un altro e si è diffusa sempre di più l’idea che: “Tutti possono scrivere romanzi, racconti o poesie; basta entrare in possesso delle tecniche per farlo”.

“If one can “learn” to play the violin or to paint, one can “learn” to write, though no processes of externally induced training can ensure that one will do it well” (Filosofia della Iowa school, prima scuola di scrittura crativa)

Naturalmente i maestri migliori (e più onesti) specificano subito che la conoscenza delle tecniche di scrittura non implica il successo artistico dell’opera che gli allievi hanno intenzione di scrivere, perché, come ci insegna il mondo dell’editoria, per trasformare la nostra opera in un best seller ci vuole “talento” e forse anche qualcosa in più.

“Though we agree in part with the popular insistence that writing cannot be taught, we exist and proceed on the assumption that talent can be developed, and we see our possibilities and limitations as a school in that light. […] We continue to look for the most promising talent in the country, in our conviction that writing cannot be taught but that writers can be encouraged”  (Iowa school)

Proprio la politica editoriale dei best seller e il processo di massificazione della scrittura, inconsciamente promosso dalla creative writing, hanno partorito un’idea malsana di letteratura e in generale di scrittura.

Oggi scrivere un libro è diventato come “vincere un terno al lotto”. Basta una buona idea, imparare le tecniche per scriverla, trovare poi l’aggancio giusto per pubblicarla e il gioco è fatto: il successo (magari anche economico) è assicurato!

In una società oppressa continuamente da mezzi d’informazione, che a ogni ora del giorno comunicano notizie e le interpretano per noi, è naturale che la scrittura diventi un mezzo per affermare il proprio individualismo, per dire “Io” in un mondo che non ci ascolta (l’esempio più evidente è il proliferare dei blog online oppure, più banalmente, pensate all’uso effimero della bacheca di Facebook…).

Ma il paradosso più assurdo è che sempre più persone vogliono scrivere libri anche se, a parte i pochi testi scolastici, non hanno mai letto in vita loro!

“Il primo vero manuale di scrittura creativa sono i romanzi e i racconti degli altri, quelli che ci fanno piangere, ridere, emozionare e anche quelli che ci fanno morire dagli sbadigli. Credo che la maggior parte degli scrittori abbia iniziato a desiderare di scrivere dopo aver letto un libro talmente bello da dire: vorrei averlo scritto io” (Alessandro Perissinotto)

Tutto questo andava anche bene, almeno fino a quando non si è materializzata la crisi economica; fino a quando le librerie non hanno incominciato a chiudere e la risposta alla domanda: “Ma veramente si può imparare a scrivere?” rischia di diventare inutile, se non si risponde prima a un’altra domanda: “Ma ci sarà mai qualcuno che in futuro leggerà i libri?”.

In un articolo uscito qualche mese fa sul “Giornale della libreria” Giovanni Peresson, analizzando i dati ISTAT sulla lettura in Italia, annunciava che dal 2010 al 2011 in Italia sono “morti” 723.000 lettori. Il titolo dell’articolo citato, “Riconquistare il lettore” (Gennaio 2012) è emblematico e mostra l’unica strada percorribile per la sopravvivenza dei libri.

Per “riconquistare il lettore” si potrebbe partire dai corsi di creative writing che da fabbriche di “Scrittori mancati” potrebbero facilmente trasformarsi in officine per la formazione di “Buoni lettori”.

Per “riconquistare il lettore” si potrebbe partire dai corsi di creative writing che da fabbriche di “Scrittori mancati” potrebbero facilmente trasformarsi in officine per la formazione di “Buoni lettori”. Usando un termine preso a prestito da Nabokov:

“Il buon lettore, il lettore ammirevole, non s’identifica con il ragazzo o la ragazza del libro, ma con il cervello che quel libro ha pensato e composto. […] Al lettore ammirevole non interessano le idee generali; ma la visione particolare. Gli piace il romanzo non perché gli permette di inserirsi nel gruppo (per usare un diabolico luogo comune delle scuole avanzate); gli piace perché assorbe e capisce ogni particolare del testo, gode di ciò che l’autore voleva fosse goduto, sorride interiormente e dappertutto, si lascia eccitare dalle magiche immagini del grande falsario, del fantasioso falsario, del prestigiatore, dell’artista. In realtà, di tutti i personaggi creati da un grande artista, i più belli sono i suoi lettori”.

Piuttosto che scrivere un nuovo ciclo dei Rougon Macquart, chi termina un corso di creative writing si accosta ai libri come non ha mai fatto prima, cioè con occhio competente, perché è entrato in possesso degli strumenti necessari per gustarli a fondo. Allora perché non incentivare un “Corso di formazione per lettori competenti” e passare dall’Io della scrittura al Noi della lettura?

Una lettura che possa aiutare ad abbattere le barriere dell’alienazione sociale, a stabilire un contatto sincero con i propri simili, una lettura capace di riscoprire il senso originale della parola “Humanitas”. In questo modo la cultura non sarà più vista come elemento di distinzione, ma di coesione sociale.

frame

Annunci